lunedì 20 febbraio 2017

Cappellano militare: Ma tu ci credi?

Che soluzioni avranno proposto i discepoli?

Quali risposte avranno offerto alla domanda straziante di un padre?

Quali mezzi avranno approntato per curare il male che assedia la sua vittima?

Certamente cose belle e sante, ma insufficienti.

Gesù è meno fantasioso di loro nel presentare la cura, ma certamente più audace. LUI porta la domanda fondamentale e fondamentalmente scomoda: «Ma tu ci credi?».

La guarigione è arte del mendicare la Fede, non del recitare formule. «Credo; aiuta la mia incredulità!»: qui sta tutta la vita e la missione del discepolo, tutto il resto è roba da spacciatori di formule in cui nessuno crede più, forse nemmeno noi.

«Ma tu ci credi?»


Don Carlo Pizzocaro




Se vuoi restare in contatto con noi puoi trovarci su Facebook e su Telegram


Nessun commento:

Posta un commento