mercoledì 15 giugno 2016

Come eravamo: Uno Stato popolare

Questo testo fa parte di "La politica, per chi, per cosa", supplemento a "il Sabato" n. 22 del 30 maggio 1987, p.73
Luigi Sturzo da «L'appello al paese»

«Ad uno stato accentratore, tendente a limitare e regolare ogni potere organico e ogni attività civica e individuale, vogliamo sul terreno costituzionale sostituire uno stato veramente popolare che riconosca i limiti della sua attività, che rispetti i nuclei e gli organismi naturali — la famiglia, le classi i comuni, — e che rispetti la personalità individuale e incoraggi le iniziative private. 

Questo ideale di libertà non tende a disorganizzare lo stato ma è essenzialmente organico nei rinnovamento delle energie e delle attività che debbono trovare al centro la coordinazione, la valorizzazione la difesa e lo sviluppo progressivo. Energie che debbono comporsi a nuclei vitali, che potranno formare o modificare le correnti disgregatrici».




Se vuoi restare in contatto con noi puoi trovarci su Facebook e su Telegram


Nessun commento:

Posta un commento