domenica 29 maggio 2016

Lettera dal fronte: La polli-tica non fa bene

Pubblichiamo il volantino scritto da alcuni amici riminesi con il desiderio di favorire un dialogo capace di andare al cuore delle questioni e di aiutare tutti a rendere questo un metodo applicabile ad ogni circostanza.

È indubbio che in questi anni qualcosa di osceno è continuato ad accadere.

Alcuni processi decisivi per vivere sempre peggio nella nostra città, sono stati avviati, altri verranno avviati a breve dal "Gnassi di dio ".

Il vero problema (mancanza di un soggetto umano appassionato e non solo dedito alla ricerca del proprio immediato tornaconto) resta....sempre più enorme...ingombrante.

Di questo stato degradato del popolo riminese tutti siamo responsabili.

Noi ciellini in grandissima parte, poiché avendo ricevuto il dono della fede capace di essere vissuta in modo ragionevole e adeguato ai tempi (e non pateticamente inadeguato come per tanti cattolici) ci siamo venduti a convenienze particolari, determinate dall'attività professionale che facciamo o dalle amicizie che abbiamo.

Il nostro capo Don Julian Carron ci aveva invitato a ripartire in maniera diversa con un volantino dal titolo "Ripartire dal Basso " e noi, ciellini riminesi, ci siamo accordati con Gnassi e con tutti quelli che nella nostra città sono in alto.

Al Meeting per l'Amicizia tra i Popoli abbiamo fatto una mostra sulla Costituzione Italiana cui abbiamo invitato il Presidente Napolitano e poi ci siamo dati da fare (in Parlamento e fuori) per svuotare la Costituzione stessa soprattutto laddove essa cita l'importantissimo ruolo dei corpi intermedi (senza dei quali la partecipazione del popolo alle decisioni è impossibile).

Siamo a favore dei Nuovi Diritti (quasi tutti i politici ciellini in Parlamento hanno votato a favore) perché il dialogo è accogliere l'altro costi quel che costi e uno Stato sempre più invadente ci va molto bene poiché tanti di noi campano di questo.

Votiamo Gnassi e chi vince (anche se tremendamente Puzzolante) perché sta arrivando l'estate e un posto al sole è necessario. Quando Bertinotti nel dialogo col nostro capo Carron (proprio qui a Rimini) propose di considerare un nuovo NON-EXPEDIT dei cattolici in politica, noi abbiamo subito capito che era una cosa buttata lì per dare un tono culturale al finto dialogo tra i due: infatti nessuno dei nostri capi ne fece più menzione e noi a fare le pecore siamo molti bravi.

Da dove dunque possiamo ripartire?

1) Dall'essere meno tontamente abbindolati dal finto dialogo e determinati ad un vero confronto.
Meno Stato, meno Sindaco, più popolo !!!

2) Da una nuova concezione di politica che non sia succube del potere massonico.

3) Dall'essere consapevoli che il voto serve solo a chi ha il potere e non al popolo. Un cambiamento può solo iniziare da un non-voto o da un voto di condanna dell'attuale amministrazione che ha portato a Rimini eventi osceni sia dal punto di vista morale che educativo.

4) Dal sapere che la politica è la più alta forma di carità e non va delegata ai professionisti: aiutiamoli ad iniziare un'esperienza di lavoro quotidiano come noi tutti facciamo. A lavorare tutti, poi...chi ha energia e animo caritatevole si occupi della politica. Non tutti siamo cosi giganti da poterci occupare degli altri, come Don Oreste Benzi ben ci ha insegnato proprio qui a Rimini.


COMUNIONE E LIBERAZIONE



Se vuoi restare in contatto con noi puoi trovarci su Facebook e su Telegram


Nessun commento:

Posta un commento