giovedì 3 marzo 2016

Radio Monte Grappa: Il popolo della famiglia

Non sono un politico. Mio padre – che fu presidente di Azione Cattolica in una piccola Diocesi emiliana – mi ha sempre mostrato una passione per la fede incarnata, nella vita quotidiana degli uomini, di qualunque condizione. Una fede che non si tira indietro. Una fede che diventa impegno e proposta. Una fede capace di rispondere alle profonde esigenze dell’uomo. Una fede non dei nascondigli e del quieto vivere.
In questi giorni drammatici per la nostra vita sociale quante volte ho pensato a quello che mi ha testimoniato con la vita e con l’azione. C’è ancora bisogno di una generazione di uomini che sappiano testimoniare nella verità l’amore responsabile per i fratelli, il senso della vita, della famiglia, del lavoro, della politica.
Lo spettacolo di questi giorni è altamente preoccupante. Soprattutto per il fatto che molti, che si dichiarano cattolici, poco o nulla hanno a che fare con quanto la Chiesa ci insegna, fino al punto di proporre e difendere leggi distruttive della famiglia, che hanno suscitato l’avversione di un popolo buono come quello dei due Family Day (il 20 giugno e il 30 gennaio). Anzi, politi che hanno tradito quel popolo che pure avevano illuso di sostenere.
Una delle tante lettere che ricevo mi comunica:
«“Se non ora: quando?”. Quando i cattolici italiani uniranno le loro forze e formeranno un movimento politico che non sia solo spettatore ma autentico protagonista nella vita di questa povera e assediata Italia?
Un movimento che sia “presenza” vera e concreta. Difesa e voce dei valori che il Signore ci ha trasmesso. Abbiamo tutto: il Decalogo come “Statuto” ed il Vangelo come “Regolamento”.
Io credo che tutti voi […] siete nelle condizioni di dar vita a questa rivoluzione tanto attesa. Il mondo, la nostra società hanno bisogno di una grande prova d’amore.
Ciascuno di voi ha un enorme seguito di persone che quotidianamente (come me) legge quanto pubblicate. Un grande numero. E questo numero, con l’aiuto di Dio, può molto se non tutto.
Scrivo a voi perché vi “conosco” e vi stimo, tutti. Io sono solo un uomo qualsiasi, non ho “voce” se non nel piccolo e quando suggerito. Ma ho comunque l’obbligo di dire. Voi avete una platea ampia. Facciamolo. Facciamo questo passo. Non pentiamoci di aver esitato. Io sarò con voi.
Grazie.»
Per questo non posso che condividere quanto alcuni amici stanno facendo in questi giorni, per mostrare che il bene comune non è una utopia né un sogno, ma ha bisogno delle nostre mani e della nostra vita per realizzarsi.
Il popolo del Family Day non merita lo sconcio spettacolo di chi – dicendosi cattolico – ha tradito quella fede che pur diceva di possedere e condividere. Apprezzo che uomini amici sappiano dare il contributo politico e la difesa di quei principi che ancora per noi sono «non negoziabili», non nascondendosi dietro un vile disimpegno nel nome di una situazione culturale e sociale cambiata.
Faccio mio l’invito a sostenere l’impegno di coloro che hanno dato voce a una proposta politica semplice e chiara che sappia dare voce a questo grande popolo del Family Day di cui mi sento fieramente parte.
«Se non ora, quando?»: ora, con chi ci sta, per il bene dell’uomo, di ogni uomo, nella verità, nella solidarietà e nella libertà. Per non sentirci dire, dai giovani del futuro (se pure ne nasceranno): «Ma voi, dove eravate?»
L’ITALIA HA BISOGNO DEI CATTOLICI
di Mario Adinolfi e Gianfranco Amato
L'approvazione da parte del Senato del disegno di legge sulle unioni omosessuali è avvenuta con 173 voti, la maggioranza dei quali di parlamentari sedicenti cattolici, alcuni presenti anche al Circo Massimo a sostegno del Family Day. Un popolo aveva indicato una via, in quella sede: crisi di governo e urne. Il popolo ha parlato, ma non è stato ascoltato.
In pochissimi giorni da quel ferale giovedì 25 febbraio, i parlamentari hanno: annunciato una legge sulla adozioni che supplisse allo stralcio della stepchild adoption garantendo «adozioni per tutti, compresi omosessuali e single»; ripreso l’iter del divorzio lampo, perché il divorzio breve approvato appena un anno fa è improvvisamente diventato obsoleto, visto che l’unione civile si scioglie con un battito di ciglia; incardinato quattro progetti di legge sull’eutanasia; attivato un intergruppo trasversale di 160 deputati chiamati dal guru Roberto Saviano a varare normative per la droga libera. Nei pochi spazi liberi sui giornali si discuteva solo dell’utero affittato dal leader che si definiva comunista, di quello che la giovane conduttrice televisiva avrebbe voluto affittare a gay bisognosi, e del magistrato del Tribunale dei minori di Roma che inventava contra legem una sentenza con addirittura una stepchild adoption incrociata garantita a una coppia lesbica, con ogni donna che diventava “mamma” della figlia dell’altra in virtù del rapporto omosessuale che intercorreva tra le due. Questo è il quadro emerso in meno di una settimana dal giorno in cui il governo Renzi poneva una violenta e a-democratica mozione di fiducia sul maxi-emendamento al ddl Cirinnà, ottenendo il voto favorevole anche del partito di Angelino Alfano. Ricordiamo, peraltro, che sia Renzi sia Alfano si proclamano “cattolici”.
Se però i parlamentari cattolici producono questi risultati, c’è evidentemente un problema di rappresentanza. Certamente il popolo che si è radunato il 30 gennaio al Circo Massimo non si è visto rappresentato in queste decisioni. Eppure è un popolo vasto, assai più vasto persino rispetto a quello visibilmente presente al Family Day. E’ un popolo composto da mamme, papà, nonni, nonne, religiosi, sacerdoti e religiose, che può dare molto al nostro Paese e di cui l’Italia ha davvero bisogno. Ma soprattutto è un popolo composto interamente da figli, figli che non dimenticano il diritto primigenio di ogni figlio, quello di avere una mamma e un papà. Da questa radice nasce un popolo dai valori forti, saldi, per i quali non c’è predisposizione ad alcun compromesso. Un popolo che vuole salvaguardare la propria identità e non accetta che dalle scuole siano estirpati a dicembre il Natale e a marzo la Pasqua. Un popolo che nelle aule scolastiche vuole il Crocifisso come segno della propria identità, non un corso gender per bambini di cinque anni da turbare nell’aspetto dell’identità sessuale.
E’ un popolo che lavora, che fatica, che non si vergogna di dire che per una donna viene prima il proprio essere madre che uno stipendio da impiegata e che, dunque, il grande imbroglio di sacrificare la famiglia a un’illusione di carriera è l’ennesimo falso mito di progresso. Si aiuti invece la donna a svolgere la propria decisiva funzione materna, anche nell’ambito della propria legittima e molto spesso indispensabile attività lavorativa. Ma un Paese che non fa più figli, che nel 2015 ha un saldo tra morti e nuovi nati pesantemente a favore dei primi, è un Paese che non ha futuro. E invece il Popolo della Famiglia è un popolo tutto rivolto al futuro.
Quel popolo si è manifestato come grande novità al Circo Massimo e a partire da quell’appuntamento, nel Paese tutto. Veniva dato per disperso e ormai irrilevante il popolo cattolico nell’agone pubblico. Qualcuno gioiva per averlo marginalizzato e reso innocuo. Altri lo davano per definitivamente addomesticato.
E invece. E invece ora il Popolo della Famiglia sceglie ancora una volta di manifestarsi e per farlo si incammina su una strada faticosa ma decisiva: la richiesta di consenso agli italiani. Da subito, da oggi stesso, lavoreremo alla costruzione di liste del Popolo della Famiglia in vista delle amministrative di primavera, presenteremo nostri candidati sindaci in centinaia di città e comuni, ci assumeremo la responsabilità di una rappresentanza politica diretta per quelle idee. Chi ha detto di volerle rappresentare le ha in realtà strumentalizzate e tradite, ora è tempo di costruire dal basso una forza capace di essere un baluardo di libertà e verità nei confronti di una politica che sta lanciando la società italiana verso il baratro.
Donne e uomini, giovani e giovanissimi, nonne e nonni, tutti uniti a difesa della vita e della famiglia come «società naturale fondata sul matrimonio», come recita l'articolo 29 della Costituzione. Ora il gioco si fa serio e sarà complesso: chiediamo agli italiani consensi e sul consenso saremo misurati. Se sarà sorprendente, come sorprendente è stata la massiccia partecipazione alle manifestazioni in difesa della famiglia, allora avremo la possibilità concreta di cambiare la storia d’Italia, e di fare del nostro Paese il luogo da cui potrà partire una resistenza anche a livello europeo, che, presto o tardi, spazzerà via tutti quei falsi miti di progresso incardinati nelle società di mezzo continente da normative ispirate al più bieco individualismo.
Con l’aiuto di Dio, con lo sguardo benevolo di Maria Vergine e con il vostro operativo consenso e sostegno, questo ennesimo impossibile traguardo potrà essere raggiunto. Mettiamoci in cammino, la strada è lunga e faticosa, ma da oggi essa può condurre ad obiettivi doverosi e concreti da raggiungere. Ognuno sia responsabile di una spinta positiva dal basso che aiuti ogni fratello e ogni sorella a prendere coraggio, e a mettersi in marcia per fare quel che è giusto e salvare l’Italia dalla sua deriva verso il nulla.

culturacattolica.it



Se vuoi restare in contatto con noi puoi trovarci su Facebook e su Telegram

Nessun commento:

Posta un commento